jump to navigation

Ritorcere il Trusted Computing contro i suoi creatori January 30, 2006

Posted by laspinanelfianco in Trusted Computing.
trackback

Ne abbiamo discusso recentemente nella mailing list di No1984: è possibile ritorcere il Trusted Computing contro i suoi stessi creatori (TCG, Intel, Microsoft, AMD, etc)?

Lo scopo principale (ma non dichiarato) del Trusted Computing è quello di permettere al produttore/creatore di un certo file di mantenere uno stretto controllo su di esso anche quando il file viene spostato o copiato sul computer di qualcun’altro. In questo assomiglia molto ad un sistema DRM ma, a differenza del sistema DRM, il Trusted Computing è un sistema dinamico: grazie ad esso è possibile creare intere generazioni di nuovi tipi di sistemi DRM e, all’interno di ogni tipo, creare un DRM diverso per ogni utente o per ogni file. Come se non bastasse, il produttore del sistema (PC+Fritz Chip+Sistema Operativo) può facilmente mantenere uno stretto controllo sul comportamento del sistema stesso. Come diavolo si fa a ritorcere un simile sistema contro i suoi stessi ideatori?

In realtà, da un punto di vista tecnico è possibile. Il Trusted Computing permette ai produttori di software e di contenuti multimediali (musica, film etc.) di “blindare” i loro prodotti ed impedire che vengano “consumati” su sistemi che non sono di loro gradimento. Usando questa tecnologia, i produttori di software Open Source, come Linux e BSD, potrebbero impedire alla “controparte” di usare il loro software su sistemi che non sono di loro gradimento, ad esempio sistemi con alcune particolari funzionalità del TC attivate o sistemi su cui siano presente anche Windows o McOS X. La stessa cosa potrebbero fare i produttori di contenuti “liberi”, come i CreativeCommons. In pratica, sfruttando questa arma tecnologica, si potrebbe scatenare una guerra tra il mondo commerciale (M$, Intel ed Apple) e quello libero (Linux e BSD) per il dominio del mercato.

Da un punto di vista “commerciale“, tuttavia, questo sarebbe un semplice suicidio per il più debole dei due partecipanti, cioè il mondo “libero”. Con circa il 3% del mercato, Linux non è in grado di contrapporsi a M$ ed Apple. La “gente” continuerebbe semplicemente ad ignorare Linux e si piegherebbe alle pretese dei produttori commerciali (per pigrizia, per ignoranza o per altre ragioni).

In conclusione: no. Non è possibile ritorcere il Trusted Computing contro i loro creatori.

Si può pensare di mettere in discussione la legalità del TC e del suo utilizzo, ad esempio invocando il diritto alla privacy, soprattutto sul luogo di lavoro, ma non si può ritorcere il TC contro i suoi creatori usando la loro stessa tecnica.

Comments»

1. David - January 30, 2006

Ciao non mi ricordo come sono capitato quà ma devo dire che sento molto questo tema e vedo che la pensiamo in modo molto simile. L’idea di contrapporre TC a TC è chiaramente infantile, ma combattere il TC, e i monopoli in generale, è una necessità etica e civile da perseguire con ogni mezzo. Uno potrebbe essere quello di iniziare a “ricattare” le proprie forze politiche di riferimento obbligandole, pena la perdita “certificata” del proprio voto ad includere nei propri programmi elettorali anche la difesa dei sistemi liberi e del software open source. In realtà però per fare questo è necessario dar luogo ad un movimento d’opinione che riesca a raggiungere una soglia critica di visibilità. Forse si dovrebbe iniziare proprio in questi momenti pre-elettorali in cui le forze politiche vanno a caccia dell’ultimo voto e sono particolarmente sensibili all’idea di perderne…

2. Marcello Favale - February 3, 2006

Il problema non è di includere nei programmi elettorali anche la difesa dei sistemi liberi e del software open source, che – a mio personale parere – sarebbe una battaglia persa in partenza perché l’open source in Italia è associato ai Verdi (Cortiana) e, quindi, di sisnistra, ma di sollecitare tutte le forze politiche affinchè contrastino TC perché è una chiara violazione della privacy in primis ed in secondo luogo equivale a dare la possibilità alle Major (es: Microsoft ed amici…) di legittimarsi a vicenda. Mi spiego: oggi il sistema operativo XP costa circa 220 euro; l’aplicativo per OCR Ominapage costa 260 euro: se il SO “riconosce” soltanto Omnipage l’utente è costretto all’acquisto di un applicativo di nicchia che costa paradossamente più del SO, il che è un’aberrazione dal punto di vista concettuale ed anche pratico (si pensi a quanti OCR girano e sono realizzati da piccole software house. Tutti i lavoratori di quest’ultime che fanno, si mettono a vendere droga?
Ho fatto politica attiva sino al ’92 e ritengo che quest’ultimo sia un tema che possa solleticare TUTTI i politici, di destra e sinistra.

3. Blog navigabile a history » Ritorcere il Trusted Computing contro i suoi creatori - March 18, 2006

[…] Questo post è tratto da: Ritorcere il Trusted Computing contro i suoi creatori, di Alessandro Bottoni Indice “Visitati e Mancanti”   >> Next “Mancante” […]


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: