jump to navigation

Coglioni! Coglioni! Coglioni! April 11, 2006

Posted by laspinanelfianco in Politica.
trackback

E questa volta ce l'ho con la Sinistra.

In questa tornata elettorale, cruciale per la sopravvivenza del Paese, c'era un solo errore da non commettere: quello di presentarsi alle elezioni in ordine sparso, com'è tristemente abitudine della Sinistra. Mettendoci tutto l'impegno possibile, ci siamo finalmente risuciti a fare questa tremenda cazzata! Presentendoci divisi al Senato abbiamo regalato la vittoria alla… come la vogliamo chiamare la controparte?

Ed adesso, per somma gioia dell'elettorato di Sinistra, la possibilità di far cambiare rotta al Paese, prima che si schianti a tutta velocità contro la lastra basaltica del neo-libersimo berlusconiano, dipende dal voto degli italiani all'estero.

In altri termini il nostro futuro dipende dal voto di italiani che, per una parte significativa, sono scappati all'estero con la polizia alle calcagna alla fine della seconda guerra mondiale (tra cui qualche mio parente…). Bella situazione, davvero!

Speriamo solo che ad equilibrare il loro voto arrivi quello dei molti ricercatori e dei molti laureati che sono stati costretti ad emigrare in anni recenti.

Questa è una sconfitta, ragazzi. Sarebbe stata una sconfitta anche se Prodi avesse conquistato un margine di vantaggio del 5% sia alla camera che al Senato perchè anche in quel caso sarebbe stato difficile governare questo paese. In queste condizioni è semplicemente impossibile.

Di questo, naturalmente, dobbiamo ringraziare la polpetta avvelenata del redivivo (contro la volontà degli italiani) sistema proporzionale che Berlusconi è riuscito a lanciare prima di cadere, grazie alla solità complicità dei suoi “alleati” (ma si possono chiamare semplicemente “alleati” dei personaggi del genere o sarebbe più esatto usare qualche altro termine, magari di provenienza giudiziaria?).

Mah… mi dispiace solo che, a causa dei soliti legami di lavoro, non posso seguire l'esempio di Arnoldo Foà che, all'indomani delle scorse elezioni, si trasferì all'estero per non dover sopportare più a lungo la vista di questa destra.

Leggetevi questi articoli per un approfondimento:

Repubblica – Massimo Giannini

Corriere – Gianni Riotta 

Comments»

1. Enzo - April 11, 2006

Voglio morire…!

2. Montag - April 11, 2006

Sono d’accordo con quello che hai scritto.
E vogliamo parlare del fatto che Prodi, Rutelli, Fassino e D’Alema hanno osato dire “Abbiamo vinto le lezioni”??
Ma dove??
Che tristezza…

3. matteo - April 11, 2006

ma vi rendete conto delle … che sparate vi rendete conto che non ci sono due persone nella coalizione di sinistra che la pensano alla stessa maniera! Come pensano di governare il paese tra poco dovremo ritornare a votare perchè cominciano a litigare tra di loro e intanto noi perdiamo tempo! e restiamo indietro! Vi rendete conto che sono riusciti a vincere con i voti di partiti che la pensano diversamente su tutto! Chi li ha votati visto che il programma di 280 pagine non l’hanno mai esposto forse perchè si sono accorti che tutto è il contario di tutto! Le cose sono 2 o siete dei Coglioni! o avete il vostro tornaconto a esporre certe …!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

4. laspinanelfianco - April 11, 2006

Il programma dell’Unione è reperibile, sia i forma “sintetica”, che in forma “estesa”, a questa URL:

http://www.lafabbricadelprogramma.it/cgi-bin/adon.cgi?act=commenta_programma&step=tmpl

Io personalmente me lo sono letto.

Francamente, non vedo maggiore “unità” tra chi vuole dividere il paese in varie “macroregioni”, come la Lega, e chi si dichiara di ispirazione nazionalistica e patriottica, come Alleanza Nazionale. Ne vedo anche di meno tra chi insegue spavaldamente i propri interessi personali e da dimostrazione del proprio disprezzo per le regole, come Berlsuconi, e chi, come Fini, vorrebbe un mondo di Legge & Ordine.

Negli ultimi 5 anni li si è visti litigare praticamente su tutto, tranne le leggi volute (“imposte” e forse persino “pagate”) da Berlusconi.

Non vedo proprio cosa dovremmo avere da rimpiangere del Governo Berlusconi. Se torneremo a votare tra 2 mesi, saranno stati due mesi di Libertà e di Democrazia.

Se le mie sono cazzate, qualcuno può spiegarmi cosa sono le uscite di Calderoli sulla legge elettorale?

5. Luka - April 11, 2006

Probabilmente c’è gente che a forza di guardare reality e soap opera ha perso il contatto con la realtà.
Parlano di divisione nell’Unione. Ma la CDL come è andata avanti? Hanno posto la fiducia più volte loro in cinque anni che il resto dei governi!
Divisione dell’Unione, si diceva, e discordanza su tutto.
In effetti cattolici, fascisti, leghisti e forzisti, hanno una visione univoca su tutto….

6. piero - April 11, 2006

io ho votato contro berlusconi, quelli della cosidetta sinistra mi hanno lasciato e continuano a lasciarmi perplesso. Bata vedere i dati dell’OCSE (OECD Factbook 2006: Economic, Environmental and Social Statistics) per mettersi le mani nei capelli.

7. Miky Jpeg - April 11, 2006

Concordo in pieno con il post. Abbiamo vinto ma è una vittoria di Pirro. Se riusciremo a fare qualcosa è un miracolo. E se non si riesce devono andarsene tutti: Prodi, Fassino, Rutelli, Bertinotti e tutte quelle vecchie cere che si proclamano politici. Le cose non le cambiano i vecchi ma solo i giovani. Che età aveva Blair quando è stato eletto?E zapatero? E se Edwards avesse passato le primarie in america non avremmo Bush. A noi toccano i sessantenni che delle tre I berlusconiane non ne sanno una fava (non che il sig. Stanca ne sapesse qualcosa…). Questa è una sconfitta travestita da vittoria.Altro che champagne.

8. Andrea Brandi - May 3, 2006

X Miky Jpeg: quoto quello che hai detto sul fatto che i giovani dovrebbero ‘cambiare’ veramente il paese! Non sono mai stato più d’accordo, ma la politica si sa, la fanno i potenti e di solito per diventare potenti ci si fa vecchi (Berlusconi), e i figli dei potenti (figli di Berlusconi) se ne sbattono altamente della politica e preferiscono mangiare i soldi dei loro cari papà.

[url=http://www.andreabrandi.com]Andrea Brandi[/url]

9. Francesco - May 6, 2006

Pensi ancora di vivere in un paese liberale.
Quello che è successo in Italia non è nulla di nuovo, è già successo negli Stati Uniti e in Germania, hanno solo trovato uno stratagemma nuovo per imbrogliare. Negli US hanno usato il voto elettronico per dividere in due il numero dei votanti. In Italia hanno usato il trucchetto degli emigrati (non si erano mai fatti sentire prima d’oggi, bella trovata eh? Possibile che a nessuno è venuto in mente del trucco?)
La ragione? L’obiettivo? Semplice!
Un governo cosi’ non durerà a lungo, in quanto sarà impossibile legiferare, quindi Il Berlusca e il professore con D’Alema (che guarda caso lo vogliono fare Pres. della Repubblica) probabilmente si metteranno d’accordo per governare e diranno che cosi tutti gli italiani saranno contenti (e fregati N.d.r) in quanto si andrà incontro ad una dittatura peggiore di quella in cui viviamo oggi (pensate di essere libri dove tutta la comunicazione e i mass media sono al 90% nelle mani di una persona sola? o in un governo dove i ministri principali sono i “suoi” avvocati? Si? Poeveri illusi…) una dittatura diranno “democratica” in un mondo dove oggi la democrazia non esiste più e si va sempre più verso un governo unico e mondiale sotto la mano perfida dell’ONU e della NATO.
In bocca al lupo per la prossima guerra.


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: